Le ragioni del NO all’ipotesi contrattuale

Le ragioni del NO all’ipotesi contrattuale

MODIFICHIAMO L’IPOTESI CONTRATTUALE, AL REFERENDUM VOTIAMO NO

MODIFICHIAMO L'IPOTESI CONTRATTUALE, AL REFERENDUM VOTIAMO NO

Sciopero Generale 15 Dicembre 2012

Sciopero SiLaR

IL SILAR DICHIARA SCIOPERO PERCHÉ ESCLUSO DALLE TRATTATIVE CONTRATTUALI

CIL SILAR DICHIARA SCIOPERO PERCHÉ ESCLUSO DALLE TRATTATIVE CONTRATTUALI

Comunicato post elezioni RSU Milano

Comunicato post elezioni RSU Milano

Manifesto Elettorale SiLaR

Manifesto Elettorale SiLaR

Dichiarazione alle OO.SS.

Dichiarazione alle OOSS

Riprendiamoci la RAI

Riprendiamoci la RAI

CONTRASTIAMO L’INERZIA AZIENDALE

CONTRASTIAMO L’INERZIA AZIENDALE

EXPO OPPORTUNITA’ PER MILANO

EXPO OPPORTUNITA’ PER MILANO

Come accelerare il Piano di destrutturazione della RAI

Come accelerare il Piano di destrutturazione della RAI

L’abdicazione della RAI

L’abdicazione della RAI

Questo non è un piano industriale!

Questo non è un piano industriale!

L’Ambrogino!

L'Ambrogino!

Milano Live

webcam

World Climate Status

Spot SiLaR

Categorie

Spam

LogoFb

A verbale: RSU Milano incontro 10 – 11 giugno 2009

RSU RAI MILANO       10-11 giugno 2009

     VERBALE   RIUNIONE   RAI  -   RSU   MILANO

Mercoledì 10 e giovedì 11 giugno la RSU RAI Milano ha avuto modo di incontrare l’azienda in due diverse occasioni.

Nell’incontro di mercoledì  10 giugno 2009 la RAI era così rappresentata:

-          Massimo Ferrario (Direttore del CP di Milano)

-           Andrea Decimo (Ufficio Relazioni Sindacali Milano)

-          Giovanna Paganini (Ufficio Personale Milano)

 

L’incontro con il Direttore è stato il primo dalle elezioni delle nuove RSU ed è stato quindi l’occasione per le presentazioni.

Ci sono stati due momenti specifici. Con il primo si interpellava il Direttore in riferimento agli investimenti tecnologici, su Mecenate e all’eventuale progetto della nuova Sede della RAI di Milano. La risposta non è stata esaustiva. Sono stati,poi, affrontati vari altri punti poste dalla RSU.

Mecenate

La situazione del sito produttivo di Mecenate è in continua evoluzione e, al momento, non è dato sapere quali siano gli sviluppi produttivi per i prossimi anni.

A fronte di questa indicazione il Direttore è propenso ad investimenti che favoriscano l’ipotesi immobiliare Expo-Sempione e, limitatamente alla manutenzione ordinaria, Mecenate. I progetti di espansione e di riorganizzazione (soppalchi per le Redazioni) risultano molto dispendiose e poco proficue allo scopo. Una ipotesi ventilata è l’affitto di locali per uffici di produzione su immobili esterni, con costi più contenuti per periodi di tempo limitati alla durata delle produzioni stesse. Per quanto riguarda l’Expo il Direttore sottolinea il consolidamento delle relazioni istituzionali e, conseguentemente, vorrebbe presentare la RAI come cliente televisivo privilegiato.

Altri argomenti:

-          Area Parcheggio: il Direttore ha dichiarato che è stata individuata la cosiddetta “area Gnoli” per raggiungere la quale occorre attraversare una proprietà della Kickers, con una servitù di passaggio, e il cui impedimento è un cancello che presto sarà tolto;

-          Bussole ingresso: il Direttore comunica che saranno sostituite con tre tornelli (tipologia Corso Sempione).

-          Mensa: i lavoratori hanno lamentato una fruibilità disorganizzata in quanto capita che le squadre di Studio si rechino in mensa nello stesso tempo. Viene richiesto un maggior coordinamento da parte dei Direttori di Produzione affinchè i lavoratori possano recarsi in mensa in tempi diversi. Inoltre si richiedono migliorie sull’impianto di condizionamento adattando i punti di immissione di aria con degli schermi onde evitare che il flusso ricada direttamente sulla testa dei commensali;

Aggiornamenti tecnologici

Entro agosto sarà liberato il locale al Super Tv occupato attualmente dall’EVS per la Domenica Sportiva, la quale andrà in un’apposita sala dell’RVM. Inoltre l’EVS della Formula 1 sarà spostata nelle vicinanze dello studio TV5 (locale non ancora definito). Lo spostamento degli apparati tecnologici permetterà di iniziare i lavori per il nuovo Super TV (digitale) il quale sarà terminato prevedibilmente per la prossima primavera.

Per quanto riguarda il potenziamento delle risorse al TV4 il progetto è fermo per motivi legati alla indisponibilità dell’auditorium M Radiofonia.

 

Mobility Manager

Sebbene la richiesta di un incontro sia stato fatto più di un mese fa, le Relazioni Sindacali della Produzione TV hanno informato i Servizi Generali attraverso l’Ufficio Risorse Umane. La data non è stata ancora definita.

Mensa in Corso Sempione

Recentemente, durante la registrazione di uno Speciale Che Tempo Che Fa, è stato rilevato un problema di esaurimento di derrate alimentari dovuto alla mancata informativa sul numero di persone che avrebbero usufruito della mensa stessa. La RSU ritiene necessario che le varie Strutture siano messe in condizione di essere informate per operare nel miglior modo possibile evitando così disservizi di quel genere. Inoltre la RSU ritiene di dover essere informata sulle risultanze degli incontri trimestrali che avverrebbero tra Sodexo e Servizi Generali in merito alle verifiche di qualità e quantità del servizio mensa, così come da capitolato.

Utilizzo delle squadre Riprese Esterne

Il Direttore concorda con la RSU affinchè le squadre delle Riprese Esterne vengano utilizzate in modo appropriato e per la loro finalità costitutiva di tipo produttiva.

In modo estensivo Decimo e Paganini affermano che nulla osta a questa modalità di utilizzo delle risorse produttive ma, nel contempo, viene interpretata la capacità produttiva e professionale in termini anche di occupazione temporale: non è pensabile che l’azienda lasci inoccupati, per tempi lunghi, il personale e i mezzi quando non ci sono trasferte.

Videosorveglianza e sorveglianza telefonica

Il Direttore afferma di non avere competenza in entrambe le materie. Specificatamente per la prima risulta dipendente dalla Corporate – Servizi Generali e dalla Intendenza.

Per Decimo non ci sono elementi che possano supportare la sorveglianza telefonica e afferma che informerà l’azienda del presunto problema.

Radiofonia

La Direzione della Radiofonia è stata informata e si sta attendendo una risposta sulla data dell’incontro.

Presentazione Palinsesto nuova stagione produttiva 2009-10

In data 16 giugno l’azienda presenterà ai mass-media il Palinsesto della prossima stagione produttiva.

Per Milano la nuova stagione produttiva potrà essere presentata dopo che si siano fatte almeno le prime riunioni di produzione. La data dell’incontro sarà prevedibilmente quella dell’8 luglio e saranno presenti il Direttore Ferrario e la Responsabile del Sindacale (Produzione TV) Sciommeri.

 

Alcune domande a risposta rapida:

Lavori in quota

I specifici corsi di abilitazione saranno avviati; la data sarà comunicata alle RLS nel più breve tempo possibile.

 

Magazzini gestione apparati REL – REP

Al momento risulta tutto fermo: né pianificazione e né avanzamenti di carriera.

Criteri di assegnazione degli avanzamenti di carriera

L’assegnazione di una classe 3 ad uno dei capo-operai delle REL (sebbene sia stata chiesta per tutti e tre) ha portato l’azienda, su consiglio della Struttura di appartenenza, a scegliere di investire sul più giovane. Ne consegue che negli avanzamenti di carriera il criterio di scelta per anzianità di servizio, a parità di altre condizioni, non sarebbe più elemento referenziale.

L’azienda informa che a giugno i passaggi di categoria (quelli non automatici) e gli aumenti di merito sono bloccati per motivi di bilancio. Se ne riparlerà, forse, per novembre.

 

Nell’incontro di giovedì 11 giugno 2009 la RAI era così rappresentata:

-          Andrea Decimo (Ufficio Relazioni Sindacali Milano)

-          Giovanna Paganini (Ufficio Personale Milano)

La RSU ha espresso criticità e preoccupazione nei confronti dell’atteggiamento aziendale del cui piano di investimenti su Milano continua ad essere reticente ma fa largo sfoggio informativo con le più svariate dichiarazioni e interviste apprese dai giornali. Di fronte ad un formalismo così unilaterale che comprende, in ultima analisi, la proliferazione di lettere di contestazione e di organizzazione delle trasferte delle Esterne, la RSU avrebbe tutto il diritto di richiedere precise regole scritte, condivise e condivisibili, che non siano discriminatorie e colpevolizzanti nei confronti dei lavoratori ma che siano, nel contempo, adattate al miglioramento della qualità di vita e di lavoro degli stessi.

Mondiali Nuoto a Roma

L’argomento si è allargato su altre problematiche e la trattativa ha occupato uno spazio temporale molto più di quanto fosse previsto. Per parte sindacale la discussione non è stata assolutamente esaustiva.

In particolare per quanto riguarda la sistemazione alberghiera l’azienda si mantiene fermamente in linea con la disposizione espressa dalla Circolare Cappon: il lavoratore in trasferta è tenuto a pernottare negli alberghi convenzionati. Per quanto riguarda la specificità dei Mondiali di Nuoto a Roma, visto la lunghezza temporale di permanenza in trasferta, la richiesta di alcuni lavoratori di poter accedere a strutture diverse da quelle indicate dall’azienda che consentissero il ricongiungimento familiare, solo dopo una trattativa imbarazzante da parte aziendale, si è ottenuta la disponibilità.

Invece nessuna disponibilità per riaprire e/o integrare il Verbale di Accordo di Roma sui Mondiali di Nuoto che non contempla esigenze diverse da quelle espresse per i lavoratori di Roma stessa.

Produzione Esterna a Busto Arsizio

La richiesta della RSU è l’applicazione dell’accordo “Malpensa Italia”.

L’azienda propone l’accordo “Assago” oppure la trasferta tradizionale.

La RSU, consultati i lavoratori interessati all’evento, opta per la trasferta convenzionale.

Impiegati e loro classificazione

Si confrontano i dati non ufficiali in possesso della RSU e quelli che l’azienda ha fornito alcuni giorni fa.

L’azienda dichiara di aver in organico a Milano 132 impiegati mentre, da conto sindacale, ne risulterebbero 137.

La RSU chiede all’azienda che venga fatta un’analisi approfondita dei dati forniti e che, in base ad una serie di criteri da definire, si crei un percorso di crescita professionale e di carriera nelle varie aree di appartenenza degli impiegati, tenendo come riferimento l’iter del diplomato. È possibile che tra i criteri da definire si possano ritenere fondanti le mansioni individuali e le competenze tecnico-professionali acquisite o basate sul titolo di studio (diploma e/o laurea).

L’azienda risponde in modo criptico e ritiene di rinviare gli approfondimenti ad un altro incontro specifico.

Assunzioni a seguito dell’accordo 2 aprile

Come previsto dall’accordo del 2 aprile u.s. di una delle due figure viene confermato l’Ispettore di Produzione. Questa figura verrà acquisita o dai bacini (fascia A) o per un eventuale cambio di mansione. Per la seconda figura si è incerti tra Tecnico della Produzione e Impiegato. Ciò dipende da una incentivazione. Senza dimenticare che per l’azienda chi viene incentivato (sia per casi particolari-personali, sia perché non appartenenti al core-business aziendale) non viene sostituito.

 

Organico al Centro di Produzione di Milano

L’azienda ha consegnato l’elenco dei lavoratori a tempo indeterminato per profilo professionale.

Il numero totale risulta essere 722.

Per quanto riguarda i lavoratori a somministrazione l’azienda dichiara che nel 2009 sono stati contrattualizzati:

-          1 operatore di ripresa

-          3 tecnici della produzione

-          2 impiegati

-          15 specializzati di produzione

-          1 operaio

Riorganizzazione degli Uffici di Produzione

L’azienda dichiara che attualmente si è proceduto unicamente al trasferimento delle competenze per le trasferte all’ufficio centrale delle Riprese Esterne (per i Servizi Tecnici entro la fine di giugno).

Riorganizzazione Produttiva degli Studioli

La proposta dell’azienda del 22 maggio è sospesa. Nel frattempo è in esame una proposta venuta alla luce da parte degli Ispettori di Produzione. Ne consegue che sarà argomento del prossimo incontro.

Motivazioni licenziamento di un dipendente

L’azienda ha ritenuto di licenziare il lavoratore in quanto ha fornito documentazione inappropriata e non veritiera per giustificare la prolungata assenza sul luogo di lavoro.

Normativa malattia operai

L’azienda dichiara che la procedura è normata da legge apposita. La RSU chiede se si possa trovare un percorso semplificativo (con un accordo tra RAI e INPS) rispetto alle procedure in atto, in modo da evitare la discriminazione degli Operai rispetto a tutti gli altri lavoratori.

Situazione produttiva Studio TV5 virtual/set

Sono stati espressi problemi notevoli per la gestione minima dello Studio, da quelli tecnologici a quelli del personale. Dal punto di vista operativo la semplice cancellazione o non aggiornamento di un qualsiasi software, alcuni dei quali  non  fornito secondo le classiche vie legali, presente negli apparati elettronici che costruiscono le scenografie virtuali, impedirebbe l’utilizzo dello Studio stesso.

L’azienda prende atto della denuncia e farà gli approfondimenti di merito.

Relazioni Azienda-Sindacato a Milano

La RSU reputa assolutamente insufficiente (e lo sottolinea ormai da mesi) la presenza a Milano di un Responsabile delle Relazioni Sindacali a part-time e la capacità decisionale di essa per una qualsiasi risposta alle problematiche poste anche quando relative al territorio locale.

L’azienda non risponde.